Il muscolo della decisione, cosa è e come allenarlo

In uno degli articoli precedenti dal titolo: “Papà, Mamma, io voglio volare!”, abbiamo parlato dell’importanza di dare al proprio figlio la possibilità e trasmettere la capacità di saper prendere delle decisioni.
Spesso abbiamo sentito dire che il nostro destino si crea a partire dalle decisioni che prendiamo per noi.

Siamo, però, così sicuri di essere in grado di prendere delle decisioni?
Riuscire a prendere delle decisioni può sembrare un’azione semplice, ma così molto spesso non è.
Chi non vive la difficoltà di dover prendere una decisione, molto spesso “banalizza” invogliando la persona indecisa a coltivare l’abitudine di decidere in modo consapevole, partendo da delle decisioni semplici in modo che quando arriveranno quelle difficili, grandi, complicate sarà pronto.
Quotidianamente prendiamo, spesso inconsapevolmente, centinaia di decisioni. Comprare un quotidiano piuttosto che un altro presuppone che alla base ci sia una scelta del quotidiano da leggere e quindi una decisione.
Prendere continuamente decisioni, sia che siano grandi o importanti e/o piccole e irrilevanti, a lungo termine determineranno la qualità dei risultati e quindi della nostra vita.
Come riportano alcuni autori che si sono occupati dei processi decisionali, le decisioni vengono prese in base ad un calcolo che ognuno di noi fa rispetto ai costi-benefici che la scelta comporta; altri autori, invece, vedono i processi decisionali preceduti dall’intuito tipico della persona e influenzate dai nostri processi emotivi.
Spesso noi prendiamo delle decisioni automaticamente, senza pensarci … sono le piccole e grandi decisioni però che ci portano dove vogliamo andare. Ogni decisione che prendiamo, anche se piccola, è in grado di cambiare non solo la traiettoria decisa, ma a lungo andare anche la destinazione.
Sarà tenendo a mente questi concetti che per creare delle nuove abitudini sarà importante operare una scelta quotidiana prolungata nel tempo; questa decisione quotidiana, però, è seconda ad un’altra decisione, ovvero, decidere di impegnarsi ogni giorno.
Provenendo da una famiglia di musicisti e insegnanti di musica, quello che ho imparato è che per arrivare a imparare a suonare uno strumento, qualunque esso sia, bisogna decidere di studiarlo giorno dopo giorno e decidere di portare lo studio avanti quotidianamente. Non è un mestiere che è possibile scegliere un giorno con l’idea che si realizzerà da sé. Questo è il punto centrale, spesso sottovalutato, della motivazione.
Ecco come una piccola decisione può cambiare radicalmente la nostra vita.
Da questi principi “base” si sviluppano tutti i percorsi di crescita personale di cui molto spesso sentiamo parlare: iniziare a prendere piccole decisioni ogni giorno e renditi consapevole della scelta fatta.

Alcuni studi effettuati dalla psicologa sociale Ellen Langer sul tema della decisione e sulla presa di decisione, dimostrano come chi è protagonista delle proprie scelte è più produttivo, più creativo (Psicologia contemporanea, n° 259, Giunti Editore 2017).

Nei vari corsi di crescita personale si lavora sulla consapevolezza della persona rispetto alle decisioni che chiunque prende, partendo, come riportato precedentemente, da piccole decisioni quotidiane che preparano la persona al momento delle grandi decisioni. Questa capacità possiamo definirla metaforicamente come il muscolo della decisione che va costantemente allenato, proprio come alleniamo i nostri muscoli in palestra.

Come poter essere efficienti in questo training di allenamento?
Un esempio è tenere un diario da compilare a fine giornata, riportando tutte le decisioni consapevoli che avete preso durante il giorno.
In conclusione, è importante dire che indipendentemente dalla propria età è chiaro che acquisire consapevolezza delle proprie decisioni, comporta dei vantaggi.
Già l’aver letto questo articolo può contribuire ad aumentare la consapevolezza delle proprie decisioni, sapendo che questo genere di percorsi non è mai banale, ma, attraverso la costanza questo esercizio diventerà via via più semplice e ci permetterà di aumentare la nostra motivazione, l’indipendenza, l’autostima.

dott. Antonio Francesco Svezia
Psicologo – Psicoterapeuta
Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo Analitico Transazionale Certified Transactional Analyst (CTA)

Antonio F. Svezia

Precedente Papà, Mamma, io voglio volare! Successivo Cambiamento ... una questione emotiva?